Love me in Liguria: nozze al Grand Hotel Miramare

Love me in Liguria: nozze al Grand Hotel Miramare

Finalmente mi ha chiesto di sposarlo. Quando si è inginocchiato davanti a me quella sera, il mio cuore ha smesso di battere. Che emozione! Ricordo ancora il leggero tremolio nella sua voce e la luce negli occhi. Come non amarlo? È l’uomo della mia vita e presto saremo marito e moglie.

Da quel momento, non ho perso un attimo e mi sono immersa a capofitto nell’organizzazione del nostro giorno speciale. Tra le mille cose da scegliere, abbiamo concordato che la location avrebbe avuto la precedenza assoluta. Dal momento che io che il mio fidanzato siamo nati e cresciuti in paesi di mare, vogliamo che le nostre origini siano protagoniste insieme a noi. Ed ecco perché oggi ci troviamo proprio qui, al Gran Hotel Miramare, nella nostra amata terra: la Liguria.

 

Una location vista mare: Grand Hotel Miramare

Con il mare alle nostre spalle, ammiriamo basiti la maestosa facciata del Grand Hotel Miramare.

Ci accoglie con il suo elegante stile liberty e un colore bianco puro, reso ancora più luminoso dal riflesso dello specchio salino su cui si affaccia. Attraversiamo i giardini mediterranei seguendo il viale ben curato.

Mi volto per un attimo e resto ammaliata dalla tavolozza di colori in cui sono immersa: il blu del mare, il bianco dei marmi, il verde delle piante e le macchioline pastello dei fiori che stanno sbocciando. Come è possibile che un dipinto prenda vita?

Attraversiamo l’ingresso principale e veniamo condotti in un romantico patio vista mare. Il Golfo del Tigullio si estende placido dinanzi a noi e sullo sfondo scorgiamo Portofino. Vedo le sedute in ferro battuto bianche, ordinate in fila e già mi vedo lì a celebrare la nostra cerimonia tra qualche mese. Già mi sento sposa.

 

La sala ristorante romantica e raffinata

Eccoci ora nella Veranda Marconi, la sala ristorante più raffinata e romantica che io abbia mai visto. Provo a immaginarla allestita per le nozze: candide tovaglie, centrotavola floreali che profumano l’aria, e una miriade di lanterne. Le ampie vetrate conferiscono luminosità e freschezza all’ambiente. Ma il dettaglio mozzafiato è il panorama: l’azzurro della piscina a pochi passi da noi quasi si confonde con i colori del cielo e del mare. L’armonia di sfumature che si crea è un piacere per la vista e per l’anima. Mentre ammiro questa bellezza, infatti, mi rendo conto della pace che regna in questo paradiso. Mi sento già a mio agio.

La mia attenzione viene catturata da un piccolo pergolato a qualche metro da noi. Ci spiegano che è riservato al taglio della torta e io non posso trattenermi dal sorridere radiosa: quale modo migliore per incorniciare questo dolce momento?

 

“Il luogo perfetto per il nostro matrimonio”

Quando la nostra visita giunge al termine, veniamo riaccompagnati all’ingresso. Prima di andarcene, però, ne approfittiamo per riposarci sulle sedie a sdraio del giardino esterno. La brezza marina ci solletica e i raggi tiepidi del sole accarezzano la nostra pelle. Sta arrivando l’estate e io continuo a pensare che tra un anno esatto sarò qui e avrò appena compiuto il passo più importante della mia vita.

Esatto, proprio qui, perché ora non ho più dubbi su quale sarà la location per le nostre nozze. L’eleganza e l’intimità del Grand Hotel Miramare mi hanno conquistata. La presenza del mare in ogni scorcio mi fa sentire a casa. Finalmente abbiamo trovato il luogo perfetto per il nostro matrimonio.

 

> Per maggiori informazioni su vacanze romantiche e matrimoni in Liguria scrivici a info@lovemeinitaly.com

Dettagli Tania Ferronato

Sono una linguista che ama la fonologia, i viaggi e il cibo. La mia più grande passione è scrivere. Adoro la sensazione che provo ogni volta che mi ritrovo davanti ad un foglio bianco: è la stessa di quando sono al gate di un aeroporto o dell'attesa di salire su un treno, con lo zaino in spalla. Fermento, curiosità e voglia di liberare la mente e il cuore verso nuovi orizzonti. Per me scrivere è come viaggiare: partire verso confini inesplorati e mete ignote e alla fine, tornare sempre diversi da come si è partiti.