Marry me at Florian: un anniversario speciale

Marry me at Florian: un anniversario speciale

Mi chiamo Giorgio. Abito in una casa in campagna in provincia di Venezia con mia moglie Marisa. Il 16 ottobre festeggerò il mio ottantaduesimo compleanno ed esattamente lo stesso giorno sarà il nostro sessantesimo anniversario di matrimonio.

Ricordo in maniera così nitida il giorno in cui mi innamorai di lei, mentre fatico a ricordare se ho preso tutte le pastiglie che il medico mi ha prescritto. Quest’anno voglio sorprendere Marisa. Vivere insieme a me per tutti questi anni non deve essere stato facile: ci siamo trasferiti tante volte a causa del mio lavoro, ma da quando sono in pensione ci siamo finalmente stabiliti.
Io parlo poco e solo se necessario, sono metodico e testardo. Marisa è molto socievole e creativa, è il mio raggio di sole. Amo vederla sorridere e mi diverte quando si innervosisce perché non le riesce qualcosa.

 

Ricordi di un grande amore

Marry Me at Caffè Florian Venezia coppia anniversario

La conobbi durante il servizio militare e subito me ne innamorai. Dopo due anni decidemmo di sposarci. La cerimonia venne organizzata in poco tempo e senza tanti fronzoli poiché sia noi che le nostre famiglie avevamo pochi risparmi.

Sono fermamente convinto che sia arrivato il momento di rimediare. Non voglio semplicemente festeggiare il nostro anniversario, voglio regalarle la proposta di matrimonio da favola che ha sempre sognato e farò di tutto perché ciò accada.
Chiesi dunque a mia figlia di aiutarmi a usare il computer per raccogliere alcune idee: dice sempre che lì dentro c’è tutto. Mentre scorreva in maniera compulsiva la bacheca di Facebook, un’immagine con una torta a forma di cuore e due anelli catturò la mia attenzione. Così le chiesi di farmi vedere di cosa si trattava.

 

Marry Me at Florian

L’inserzione diceva “Marry me at Florian: la tua proposta di matrimonio a Venezia“, e io ad alta voce esclamai: “Eureka!”.
Chiesi a mia figlia di chiamare il Caffè Florian per avere più informazioni a riguardo. Lei iniziò a digitare sulla tastiera così velocemente che quasi non riuscivo a vederle le dita. La gioventù d’oggi!

Dopo alcune ore mi disse che aveva contattato il Caffè Florian e aveva accennato le mie intenzioni. Per conferma della data e per discutere dei dettagli avrei dovuto chiamare il numero che mia figlia mi aveva segnato su di un post-it.
Lo feci subito. Mi rispose la signorina Agata del Caffè Florian, che dopo avermi pazientemente ascoltato mi disse: “È proprio fortunata la sua Marisa”.

Marry Me at Caffè Florian Venezia computer

Mi raccomandai con lei che la torta avesse la guarnizione ai frutti di bosco, che il mazzo di fiori avesse i girasoli freschi e che tutti i camerieri fossero al corrente della sorpresa. Nei giorni seguenti la richiamai più volte, anche per descriverle i nostri volti. Come avrebbe potuto riconoscerci davanti a tante persone? Per fortuna che me ne sono ricordato.

Nel frattempo dissi a Marisa che stavo organizzando una passeggiata a Venezia per il mio compleanno. Lei ne fu entusiasta, ma amareggiata allo stesso tempo: credeva che per me fosse più importante il mio compleanno piuttosto che il nostro anniversario.

 

“Vuoi essere mia moglie?”

Il giorno tanto atteso arrivò. Mi sentivo un ragazzino la mattina del suo primo giorno di scuola.
Arrivammo in Piazza San Marco, dove Marisa mi rimproverò per aver scelto uno dei miei completi più eleganti per una semplice passeggiata.

Proposi di fermarci al Caffè Florian per fare una piccola pausa e goderci la vista della piazza. Con piacere Marisa acconsentì.
Appena arrivati, il cameriere ci fece gentilmente accomodare e ci portò due menù. All’entrata del locale una ragazza ci osservava compiaciuta. Capii subito che si trattava della signorina con cui avevo parlato al telefono.

Marry Me at Caffè Florian Venezia tavolo riservato

Poco dopo arrivò il cameriere, che portava sulla mano destra un vassoio d’argento e teneva la sinistra dietro la schiena. Poggiò il vassoio sul tavolino e servì a Marisa una fetta di torta ai frutti di bosco e le consegnò un sacchetto di seta viola.
Marisa mi guardò perplessa.

Il cameriere con un gesto repentino tirò fuori da dietro la schiena un meraviglioso mazzo di girasoli. A quel punto mi alzai in piedi e invitai Marisa a fare altrettanto. Aprii il sacchetto viola e ne estrassi sessanta pietre colorate, a simboleggiare i nostri sessant’anni insieme, e un anello d’oro.
Infilandole delicatamente l’anello le chiesi di essere mia moglie. Marisa commossa esclamò: “Non ho mai smesso di esserlo!”.

Marry Me at Caffè Florian Venezia girasoli

L’Orchestra del Caffè Florian ci accompagnò in questo magico momento con una romantica melodia mentre sotto una pioggia di applausi ci scambiammo un delicato bacio.

Il nostro cameriere mi portò poi un’altra fetta di dolce, ricordandomi che era anche il mio compleanno. Che sorpresa, come faceva a saperlo? Poco importa, quel giorno ebbi il regalo più bello che potessi ricevere: il sorriso pieno di felicità della mia amata Marisa.

 

> Per maggiori informazioni su anniversari e proposte di matrimonio a Venezia scrivici a info@lovemeinitaly.com

Marry Me at Caffè Florian Venezia pianoforte

Dettagli Chiara Peron

“Il Sole si alza mai con la luna storta?”