Luna di miele in Liguria, le tappe più speciali

Luna di miele in Liguria, le tappe più speciali

Luna di miele in Liguria, le tappe più speciali

Il giorno del matrimonio è arrivato, le promesse d’amore sono state dolcemente sussurrate, la torta nuziale tagliata. È tempo di dire addio alla vecchia vita e celebrare l’inizio di una nuova avventura, il percorso comune di due cuori.

La luna di miele deve essere allora evento d’amore e di tenerezza, ma anche occasione di divertimento e di celebrazione; quale meta migliore se non la Liguria?

Regione dai mille colori e mille sembianze, un paesaggio conteso tra il mare e la montagna, diviso tra la Riviera di Ponente e quella di Levante ma unito dalla passione per il sole e il cielo più terso.

Se avete scelto dunque la Liguria come destinazione prediletta della vostra luna di miele, perché non dare un’occhiata ai seguenti spunti sui luoghi liguri più speciali?

Qualche curiosità per sentirvi fino in fondo parte di questa terra magica.

Spianata Castelletto

Liguria - Luna di miele

Panorama dalla Spianata Castelletto

È in provincia di Genova la prima tappa obbligatoria per ogni amante delle panoramiche più mozzafiato. Castelletto è uno dei quartieri genovesi più conosciuti. Accovacciato su una altura verde, protegge la città dall’alto da secoli.

Attraverso un ascensore pubblico è possibile raggiungerne la cima in un batter d’occhio: da lì, gelaterie e punti di ristoro circondando uno dei punti più emozionanti di Genova.

Il Belvedere infatti ci regala una veduta a 360° della città sottostante: il Palazzo Ducale e la Cattedrale di San Lorenzo, lo snodarsi delle case tra le vie strette, avanti fino all’orizzonte del mare, con il porto antico e la Lanterna, il faro portuale simbolo del suo antico dominio sui mari.

Tutto ciò che rende Genova quel che è a portata dei vostri occhi.

Il muretto di Alassio

Liguria - luna di miele

Il Caffè Roma

Se passate per Alassio, è d’obbligo una foto ricordo vicino al famoso Muretto, un susseguirsi di colorate piastrelle di ceramica testimoni delle firme dei più grandi personaggi del passato.

La storia della sua origine è curiosa quanto affascinante. Tutto partì da Mario Berrino, titolare del Caffè Roma, storico locale dell’Alassio più chic degli anni 50’.

Egli, ispirato dalla presenza del geniale Ernest Hemingway, frequentatore assiduo del Caffè, ebbe l’idea di trasformare il grigio muretto spoglio fronteggiante il suo Caffè in un album di autografi, formato da tante piastrelle di ceramica quanti erano gli ospiti d’onore che aveva servito nella sua vita.

Oggi il Muretto presenta più di 1.000 firme, sprazzi di colore, forme e disegni più disparati, il tutto protetto dalla statua dei due giovani amanti, che seduti sulla sua estremità sembrano quasi esprimere l’amore di cui sono stati tante volte testimoni.

La Via dell’ Amore

Mai un luogo ebbe nome più appropriato per unLiguria - Luna di miele a dolce passeggiata con la propria dolce metà.

Segmento del più lungo Sentiero Azzurro, che sfida mare e montagne per attraversare spavaldo tutte le Cinque Terre, la Via dell’Amore si apre sulla vastità del mare sotto i vostri piedi, accarezzata dalle montagne sovrastanti.

Il sentiero, lungo circa 1 km, ispira da sempre idilliaci momenti d’estasi del cuore.

Un connubio tra la bellezza paesaggistica, il tramonto caldo del sole e l’aria pulita tra i capelli: impossibile non innamorarsi!

Dolceacqua

Liguria - Luna di miele

Dolceacqua by Monet

La Liguria è piena di incantevoli borghi medievali dalle fattezze più particolari: è intrinseco nella sua storia di città culturale e pionieristica, è nella sua natura.

Tuttavia, alcuni piccoli gioielli urbanistici tolgono davvero il fiato: è il caso di Dolceacqua, borgo medioevale degno del suo nome.

L’impressione è quella di un luogo vittima di un incantesimo, cristallizzato per sempre nel passato, immobile nella sua magia.

Dall’alto, il castello dei Doria osserva lo scorrere lento del fiume, mentre il ponte collega coraggioso le due parti della cittadina, divise per sempre dall’acqua. Sullo sfondo, i terrazzamenti verdi, così caratteristici di questa terra. Non è stato immune al suo fascino neppure il pittore Monet, che nel 1884 immortalò per sempre sulla tela la sua bellezza.

Dolceacqua ha conquistato così il cuore di uno dei pittori più romantici di sempre; senza dubbio riuscirà a conquistare anche il vostro.