Love me in Liguria: Alassio, la città degli innamorati

Love me in Liguria: Alassio, la città degli innamorati

La famosa cittadina della riviera ligure di Ponente offre tantissime opportunità per un weekend in coppia o una vacanza di famiglia. Le attrazioni turistiche da vedere sono molteplici, a partire dal “Budello”, la stretta via che attraversa il centro o la spiaggia, dal fondo digradante. Inoltre non può una visita al Muretto di Alassio, simbolo della Città degli Innamorati, al Parco di Villa della Pergola e all’ex chiesa anglicana diventato uno spazio per eventi. Infine, non si può lasciare Alassio senza avere assaggiato i suoi celebri Baci, dolcetti irresistibili tipici del luogo.

«Raggiungiamo Alassio famoso Muretto di Alassio cattura quando la fatica della giornata comincia a pesare come un macigno sulle nostre caviglie, così rallentiamo il passo, mentre le tue dita tracciano leggere le vene del mio polso. Le case ci accolgono silenziose, le vetrine dei negozi piene di quei famosi Baci al cioccolato di cui mi hai tanto parlato. Seguiamo diligenti lo snodarsi dell’antica Via Iulia Augusta fino all’arco di pietra di Capo di Santa Croce, dove lo sguardo si apre sul mare all’orizzonte. Una distesa d’acqua blu che ricambia immobile il nostro stupore: difficile non credere alle parole di chi definì questa visione “La Porta per il Paradiso”. I nostri passi ci riportano al centro, davanti all’antico Caffè Roma, dove il tuo sguardo curioso. Piastrella colorata dopo piastrella colorata, Alassio si racconta, un album
di storie d’amore per i cuori più delicati. Mi sembra quasi di sentirlo nell’aria, il ricordo di ogni scritta, di ogni dedica. Così, mentre tu sei impegnata a cercare l’autografo di Hemingway – “è stata la sua la prima piastrella!” borbotti sottovoce – io tiro fuori lo scontrino del pranzo dalle tasche dei pantaloni e sul retro ti scrivo la dedica d’amore che ti meriti, quella che dice quanto bello è conoscere a memoria il tuo sorriso e quanto in realtà spero di non conoscerlo mai abbastanza. Ce ne andiamo con la firma di Hemingway come sfondo del tuo cellulare e le mie parole sul fondo della cassetta delle lettere d’amore del Muretto, per sempre parte della Città degli Innamorati.»