Jane Eyre: un amore senza tempo

Jane Eyre: un amore senza tempo

Inghilterra, XIX secolo.
Una ragazza orfana, cresciuta tra maltrattamenti e collegi, arriva a Thornfield Hall. Il suo nome è Jane Eyre: una giovane donna forte e ribelle alle convenzioni sociali. Qui lavora come bambinaia: questa contea è rigogliosa e i suoi vasti prati color smeraldo fanno da sfondo ai momenti più felici del romanzo. La casa invece, dalle forme tipiche medievali, regala all’intera storia un fascino gotico. A Thornfield Jane conosce la libertà e l’amore. Un amore inevitabile e travolgente fin dal primo momento, dilaniante e a tratti impossibile. Colmo di sensualità, pudore, gelosia e su cui incombe un passato oscuro contro cui lottare. Un amore a tratti a distanza, innumerevoli colpi di scena e un finale commovente.

Due opposti che si attraggono

Jane Eyre è una ragazza molto passionale ma con un gran senso del controllo. Sovente nel romanzo vorrebbe farsi guidare dal cuore ma risulta sempre capace di frenare i propri istinti. È resiliente, intelligente, schietta e soprattutto consapevole di sé stessa. Si innamora di Mr. Rochester, uomo potente e misterioso. Definito come il classico “eroe byroniano”, egli è lacerato da segreti inconfessabili e tormentato da colpe remote. In gioventù, Rochester si è infatti sposato con una donna che ora tiene segregata nella soffitta di Thornfield, poiché diventata pazza. Jane lo scopre solo quando il suo amore per l’uomo è sbocciato e si sta per concretizzare nel matrimonio. Ecco quindi che Jane lascia Thornfield, combattuta tra il sentimento forte provato per Rochester e le insormontabili regole morali e religiose.

jane eyre girl

Natura e antichità incorniciano questo amore

Nonostante varie vicissitudini vissute lontana dal suo amato, Jane Eyre capisce quali sono i propri sentimenti per Mr. Rochester e torna nella brughiera dove ha conosciuto l’amore, donando così un lieto fine a questa tumultuosa storia.
Ma facciamo ora un passo indietro.
Il colpo di fulmine tra i due protagonisti avviene in un piccolo e fresco bosco vicino Thornfield: un celere scambio di sguardi e di parole. Il primo incontro ha luogo in una stanza quasi regale, tipica degli antichi castelli, davanti al tepore di un caminetto. Il primo bacio e la proposta di matrimonio accadono ai piedi di un ippocastano secolare, immerso tra i fiori del giardino della casa.
Le location scelte dalla Brönte non sono a caso, anzi, sono evocative e incorniciano perfettamente i passaggi chiave di questo amore.

Jane eyre

 

Rivivere un amore d’altri tempi in Italia

Volete ritrovare il fascino di castelli antichi immersi nel verde e vivere un amore d’altri tempi? Ebbene, ecco alcune location italiane che fanno al caso vostro.

1- Treviso, città storica che si affaccia sulle floride colline del Prosecco, cela delle oasi naturali sulle rive del fiume che scorre all’interno delle mura. Logge e portici storici, piazze e ville secolari vi fanno vivere un’esperienza suggestiva e inimitabile. Scopri di più qui -> La Treviso romantica

2 – A Gradara, piccolo borgo storico immerso nelle verdi colline marchigiane, potete scegliere tra parchi naturali, ville storiche e castelli antichi. Leggi l’articolo dedicato per scoprire di più  -> Gradara: castello, villa o parco?

3 – Castelsardo invece farà gola a tutti gli innamorati della natura marittima: questo borgo storico è arroccato su di un promontorio circondato dal mare e dominato da un sontuoso castello arcaico. Approfondisci questa location qui -> Castelsardo: borgo romantico sul mare

jane eyre location italiane

Nord, centro e sud Italia: per ogni regione c’è almeno una location che possa soddisfare il vostro desiderio di un amore senza tempo. Fatevi ispirare e… buon soggiorno d’amore italiano!

Dettagli Tania Ferronato

Sono una linguista che ama la fonologia, i viaggi e il cibo. La mia più grande passione è scrivere. Adoro la sensazione che provo ogni volta che mi ritrovo davanti ad un foglio bianco: è la stessa di quando sono al gate di un aeroporto o dell'attesa di salire su un treno, con lo zaino in spalla. Fermento, curiosità e voglia di liberare la mente e il cuore verso nuovi orizzonti. Per me scrivere è come viaggiare: partire verso confini inesplorati e mete ignote e alla fine, tornare sempre diversi da come si è partiti.