Festività all’AbanoRitz: momenti magici e preziosi da condividere in famiglia

Festività all’AbanoRitz: momenti magici e preziosi da condividere in famiglia

La prima neve si sta adagiando sul giardino impeccabilmente curato dell’ AbanoRitz Thermae & Wellness. La osservo trasognata mentre mi rilasso in questo caldo idromassaggio. Guardo distrattamente la miriade di piccoli fiocchi che danzano nell’aria, delicati come le mille bollicine che accarezzano la mia schiena. È quasi Natale e finalmente io e la mia famiglia siamo riusciti a dedicare un po’ di tempo a noi stessi. Assorta nei miei pensieri mi godo il silenzio che solo le prime ore del mattino regalano. Chiudo gli occhi e affido il mio corpo ai getti delle acque termali mentre ripenso a quei primi giorni perfetti trascorsi con il mio compagno proprio qui, all’AbanoRitz Thermae & Wellness Hotel.

AbanoRitz AbanoRitz Thermae & Wellness

Cura dell’anima ed egoterapia all’AbanoRitz

Mancava poco più di un mese a Natale ed io e Lorenzo avevamo bisogno di staccare la spina. Troppo presi dai nostri impegni, a volte ci distacchiamo. Volevamo quindi pensare solo a noi stessi per un paio di giorni, lontani dal tran tran quotidiano. Eravamo alla ricerca di un luogo che ci facesse vivere delle esperienze di coppia uniche, per farci ritrovare la nostra complicità.

Fu Lorenzo a propormi l’AbanoRitz come luogo perfetto per un po’ di sana egoterapia. Io non conoscevo questo angolo di paradiso sui Colli Euganei, ma dopo quel nostro breve soggiorno è diventata una tappa fissa. Vi trascorremmo solo due giorni, ma furono i momenti più piacevoli e rigeneranti che potessimo desiderare.

AbanoRitz AbanoRitz Thermae & Wellness

Massaggi su misura per noi

Ricordo benissimo lo stupore che provai al mio arrivo. La cura in ogni minimo dettaglio e l’ospitalità dello staff ci fecero sentire subito come a casa. Ci accompagnarono nella Design Suite che Lorenzo aveva riservato per noi. Una total white room con un romantico letto rotondo aspettava solo noi. Luminosa, accogliente e molto spaziosa: esplorai subito ogni suo angolo, dal soffice divano della zona living all’ampia terrazza. La vista da lassù era mozzafiato; davanti a me, solo l’infinita verde distesa dei Colli Euganei.

Indossammo subito lo SPA Kit e scendemmo nella wellness zone dell’AbanoRitz. Avevamo l’imbarazzo della scelta tra la miriade di terapie offerte. Iniziammo con un trattamento orientale: il massaggio Thai con una massaggiatrice tailandese di nome Chauny , cullati da una rilassante musica di sottofondo ed inebriati dai profumi degli oli essenziali. Il giorno seguente invece, io scelsi un massaggio Tibetan sound, grazie al quale riuscii a sprofondare nella quiete interiore e a raggiungere l’apice del benessere. Lorenzo invece optò per un massaggio total body De-stressed, per scaricare ogni contrattura.

AbanoRitz AbanoRitz Thermae & Wellness

Un Natale magico al’AbanoRitz con tutta la famiglia

Giunti alla fine dei questa nostra breve ma intensa fuga, decisi che avrei dovuto non solo ripetere,ma anche condividere quest’esperienza preziosa. Così, proposi a Lorenzo di trascorrere lefeste di Natale con tutta la nostra famiglia proprio qui, all’AbanoRitz. Da quel momento è diventata una tradizione, e ne siamo tutti entusiasti.

Riapro gli occhi e vedo mio figlio nuotare verso di me, seguito da Lorenzo e da mia madre. La piscina inizia a popolarsi. È la mattina della vigilia di Natale e passarla qui con tutta la mia famiglia è un sogno. Sorrido loro e penso che sono davvero il mio dono più grande. Condividere con loro la magia dei Natale in questo posto unico è un desiderio che si avvera.

Dettagli Tania Ferronato

Sono una linguista che ama la fonologia, i viaggi e il cibo. La mia più grande passione è scrivere. Adoro la sensazione che provo ogni volta che mi ritrovo davanti ad un foglio bianco: è la stessa di quando sono al gate di un aeroporto o dell'attesa di salire su un treno, con lo zaino in spalla. Fermento, curiosità e voglia di liberare la mente e il cuore verso nuovi orizzonti. Per me scrivere è come viaggiare: partire verso confini inesplorati e mete ignote e alla fine, tornare sempre diversi da come si è partiti.